Il 21 agosto, Il World Entrepreneurs Day  è la Giornata mondiale dell’imprenditore e si celebra chi inizia da solo un’attività. Lo scopo di questa giornata è aumentare la sensibilizzazione verso il fare impresa, l’innovazione e la leadership, in tutto il mondo.

Non bisogna essere supereroi per diventare imprenditori, basta avere la lungimiranza, una buona dose di coraggio, professionalità di alta qualità  e tanta passione e buona volontà! Insomma un  buon mix di Ingredienti!

Caratteristiche fondamentali dell’imprenditore sono proprio il saper prendere decisioni ed avere capacità di analisi e di gestione, ben vengano i consigli ma sempre senza timore di prendere la decisione finale.

Imprenditori si nasce, non si diventa… Assolutamente Sì ma per essere imprenditore è necessario allenare l’apprendimento, l’acquisizione e  la conoscenza. Sicuramente non è facile e non si deve mai sottovalutare la gestione di un’azienda, infatti quando qualcosa non è semplice si esclama: “è un’impresa!“, ma è preferibile affrontare l’impresa con positività e costanza.

E la figura delle donne in questo mondo “Business”?!

 Le donne rappresentano una significativa forza motrice di rinnovamento. Non è stato semplice riuscire a emancipare il ruolo, superare pregiudizi e ostacoli. Dunque in un momento così delicato e prezioso di grande consapevolezza bisogna dimostrare, a qualsiasi livello, che i traguardi più ardui si raggiungono con la dedizione, la tenacia e la costanza, l’automotivazione, il problem solving, l’iimaginazione, l’apertura al cambiamento…( e chi più ne ha ne metta!) ovvero bisogna avere la capacità ed essere “Multitasking” , una qualità molto ricercata e che in particolar modo le donne lo hanno nel DNA!!! 

La SVB rivela ad esempio che le startup fondate anche da donne in America ricevono investimenti con una probabilità doppia rispetto a quelle fondate da soli uomini. Secondo il Global Business Entrepreneurship Monitor 2016/17 le imprenditrici hanno il 5% in più di probabilità di proporre business innovativi rispetto agli uomini perché, per le donne, l’imprenditorialità per ‘opportunità’ è decisamente più elevata di quella per ‘necessità’. Stando al Kauffman Index: Startup Activity 2017, le donne sono più adatte a individuare i bisogni del mercato e a coglierne le opportunità. Per il CS Gender 3000 del Credit Suisse Research Institute più elevata è la percentuale di donne nel top management delle aziende, maggiori sono i ritorni per gli azionisti.

In generale, qualunque sia la via attraverso cui si giunge alla creazione d’impresa, un importante fattore di successo è rappresentato dalla stretta interrelazione tra competenze tecniche, capacità organizzative, gestione dei rapporti interpersonali e forte passione che solo l’imprenditore, in quanto tale, può assicurare. 

Buon lavoro a tutti!